Si rende noto che, conseguentemente al rinnovo dell’approvazione comunitaria delle sostanze attive (cosiddette AIR2) oggetto del Regolamento (CE) 1141/2010, dovrà avere inizio il procedimento- di cui all’Art. 43 del Regolamento (CE) 1107/2009 - finalizzato al rinnovo delle autorizzazioni di tutti i prodotti fitosanitari contenenti dette sostanze attive.

Poiché l’Art. 43 è definito come un processo ‘zonale’, è evidente che le procedure di rinnovo comporteranno un notevole dispiegamento di risorse sia per le aziende interessate sia per le Autorità competenti degli Stati membri.

Al fine di consentire agli stati membri della Zona Sud di pianificare i carichi di lavoro connessi a dette attività di rinnovo e, conseguentemente, di avviare la necessaria  cooperazione nelle attività di valutazione, è stato concordato - livello comunitario -  di richiedere a tutti i titolari di autorizzazione coinvolti di fornire alcune informazioni per facilitare detta cooperazione.

E’ stato, pertanto, predisposto un modulo per raccogliere dette informazioni, disponibile anche via CIRCABC.

E’ stata inoltre predisposta la nota del 25 luglio 2014 (che si rende disponibile anche nella versione in lingua inglese) che è stata inviata ai titolari di autorizzazioni coinvolti.  Fermo restando che è possibile rispondere all’Autorità competente di ogni Stato membro in cui un determinato prodotto fitosanitario è autorizzato, si rileva, altresì, che potrebbe risultare più efficace, per le società multinazionali - o comunque titolari di una stessa autorizzazione in diversi Stati  membri della zona Sud – raccogliere le loro risposte a livello zonale ed inviare dette informazioni ad un  punto di contatto comune nella Zona Sud.

Si richiede a tutte le imprese interessate di compilare il suddetto modulo, fornendo quante più informazioni possibili, esclusivamente per ognuno dei prodotti autorizzati contenenti (da sola o in miscela con altre sostanze attive) una sostanza attiva AIR 2. 

Si precisa che i moduli con le informazioni complete vanno inviati, entro il 30 settembre 2014, via PEC all’indirizzo dgsan@postacert.sanita.it e, se il prodotto fitosanitario è autorizzato in più Stati membri,  all’indirizzo syg061@minagric.gr  e non a quello riportato nella citata nota del 25 luglio 2014.

Consulta le notizie di Prodotti fitosanitari

Vai all' archivio completo delle notizie


Consulta l'area tematica: Prodotti fitosanitari

Data di pubblicazione: 29 luglio 2014, ultimo aggiornamento 29 luglio 2014