Immagine del Ministro durante la conferenza stampa

Il Ministro della salute Beatrice Lorenzin ha reso noto oggi il parere del Consiglio superiore di sanità sui medicinali Avastin e Lucentis.  “I due farmaci – si legge nel parere - non presentano differenze statisticamente significative dal punto di vista dell’efficacia e della sicurezza nella terapia della degenerazione maculare senile”, anche se le molecole sono differenti. Il Css ritiene dunque possibile l’utilizzo il “più presto possibile dell'Avastin per il trattamento della degenerazione maculare senile”, con un dosaggio che consenta la somministrazione adeguata del farmaco oggi resa difficile dal fatto che non viene confezionato in singole dosi ma in un unico flacone.

Il parere era stato richiesto dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin a seguito della sanzione di 180 milioni di euro comminata dall'Antitrust alle società farmaceutiche Roche e Novartis, per un'intesa restrittiva della concorrenza diretta alla commercializzazione del farmaco più caro, il Lucentis.

 “Il Consiglio superiore di sanità ha fatto un lavoro molto approfondito ed ha ascoltato tutti i maggiori esperti in materia e anche coloro che dovranno applicare lo spacchettamento in sicurezza di Avastin", ha spiegato in merito al dosaggio dei due farmaci, uno somministrato endovena e l'altro con iniezione intraoculare.

"Nel giro di un mese - ha ricordato il Ministro - abbiamo risolto la questione, sia dal punto di vista giuridico normativo, con il decreto sui farmaci off label, sia dal punto di vista tecnico-scientifico". Proprio ieri infatti è diventato legge, in seguito al voto di fiducia del Senato, il decreto Lorenzin in materia di droga e off label che rende più facile l'utilizzo di questi ultimi.

Consulta il parere

Consulta le notizie di Servizio farmaceutico

Vai all' archivio completo delle notizie


Consulta l'area tematica: Servizio farmaceutico

Data di pubblicazione: 15 maggio 2014, ultimo aggiornamento 15 maggio 2014