Il 16 luglio 2013 si è svolta la riunione congiunta tra il Tavolo Tecnico per la verifica degli adempimenti regionali e il Comitato Permanente per la verifica dei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) con la Regione Molise.

All’ordine del giorno:

  • Risultato di gestione del consuntivo per l’anno 2012
  • Analisi dello stato patrimoniale per l’anno 2012
  • Attuazione del decreto legislativo n°118/2011
  • Verifica dell’attuazione del Piano di Rientro
  • Verifica degli adempimenti LEA

Con riferimento alla documentazione trasmessa in attuazione del Piano di Rientro e dei successivi Programmi Operativi, gli Organismi di Monitoraggio hanno evidenziato il persistere di numerose criticità peraltro già emerse nelle precedenti riunioni di verifica. Alla luce di questo hanno concluso chiedendo alla Gestione Commissariale della Regione Molise di porre in essere, nel minor tempo possibile, tutte le azioni di risanamento che ad oggi avrebbero già dovuto essere approntate. Rimangono in attesa di una nuova bozza di Piano Operativo 2013-2015 che tenga conto delle indicazioni ministeriali e ne sottolineano l’urgenza vista che risulta oramai trascorsa la prima parte dell’anno 2013.

Nello specifico gli Organismi di Monitoraggio hanno rilevato che:

  • In merito alla riorganizzazione delle reti assistenziali, l’ospedalizzazione totale per il 2012 presenta un consistente decremento mantenendo però ancora un livello superiore a quello di riferimento nazionale. Analogo andamento negativo è rilevabile nel valore della degenza media pre-operatoria che si mantiene, nel 2012, al di sopra del valore medio nazionale (2,42 vs 1,85). La dotazione totale di posti letto, in diminuzione dal 2009 e pari a 4,54 posti letto per 1.000 abitanti residenti al 1 gennaio 2013, risulta superiore al valore di riferimento nazionale (3,7 p.l. per 1.000 ab). Tale eccesso riguarda sia il numero di posti letto per acuti che quello destinato all’assistenza post-acuzie, entrambi superiori ai valori previsti. L’erogazione di assistenza territoriale evidenzia valori positivi in linea con quelli attesi come valori adeguati e in costante aumento dal 2009. Apprezzabili risultano anche le attività dedicate alla prevenzione con particolare riferimento agli screening oncologici. In ultimo ancora inadeguata si presenta la dotazione di posti letto presso strutture residenziali e semi-residenziali destinate alla popolazione anziana non autosufficiente.
  • Ancora incompleta risulta la riorganizzazione della rete dell’emergenza-urgenza e di quella laboratoristica. Per la rete territoriale è prioritario che la Regione indichi l’attuale offerta assistenziale per pazienti non autosufficienti, anche anziani, distinta per regime residenziale e semiresidenziale oltre che per intensità assistenziale, e quali azioni intenda avviare per monitorare l’andamento della riorganizzazione nell’area della non autosufficienza.
  • In relazione al Piano Sanitario Regionale 2013-2015 risultano ancora poco chiari i meccanismi di attribuzione dei posti letto alle strutture pubbliche e private a causa di una inadeguata metodologia di determinazione del fabbisogno. Inoltre occorre procedere tempestivamente a regolamentare il fenomeno della mobilità sanitaria soprattutto per quanto attiene la Fondazione Giovanni Paolo II e la struttura Neuromed per la quale è ancora da completarsi la procedura di riconoscimento del carattere scientifico.  
  • Ancora carenti nell’istruttoria risultano i provvedimenti di accreditamento delle strutture socio-sanitarie.
  • Elevato permane il livello di contezioso espresso in particolare dalle principali strutture private accreditate a diretta gestione regionale.
  • Si è ancora in attesa dell’atto Aziendale dell’ASrem.
  • A consuntivo 2012 la Regione Molise presenta un disavanzo, prima delle coperture, di 54,764 mln di euro e, dopo le coperture, residua un disavanzo non coperto di 32,951 mln di euro. Considerando la perdita del 2011 e precedenti non coperta, residua una perdita non coperta per il 2012 e precedenti di 87,694 mln di euro. La percentuale di disavanzo si convalida pari all’8,9% ben al di sopra della soglia del 5% considerata di riferimento per l’obbligatorietà della sottoscrizione di un piano di rientro. Considerando anche i disavanzi pregressi, la percentuale di disavanzo risulta pari al 17,9%.
  • Per l’anno 2013 si prefigura il manifestarsi di un disavanzo non coperto di 18 mln di euro a cui deve aggiungersi tutta la situazione di disavanzo pregresso non coperto.
  • I pagamenti dei fornitori sono superiori agli 800/1000 giorni.
  • In merito alla richiesta di deroga al blocco del turn-over ai sensi dell’art. 4 bis del DL 158/2012, la struttura commissariale non ha provveduto ad inoltrare la documentazione richiesta e si è evidenziato che è nuovamente operativo il blocco totale fino al 31/12/2015 in conseguenza del mancato raggiungimento dell’equilibrio sull’anno 2012.

Consulta le notizie di Piani di rientro

Vai all' archivio completo delle notizie


Consulta l'area tematica: Piani di rientro

Data di pubblicazione: 2 settembre 2013, ultimo aggiornamento 2 settembre 2013