Grazie alla segnalazione europea della Commissione Sanità e Protezione dei Consumatori, pervenuta per il tramite del Ministero dello Sviluppo Economico (punto di contatto per l'Italia della sistema di allerta rapido Rapex) e alla tempestiva azione del Ministero della Salute, sono state evitate problematiche sanitarie connesse al giocattolo cinese BINDEEZ, importato in Italia dalla Giochi Preziosi S.p.A.

La mattina del 9 novembre, a poche ore dalla segnalazione dei gravissimi problemi sanitari (fino a depressione respiratoria e coma, incidenti riportati in Australia, neli USA e in Danimarca) connessi al giocattolo, dovuti alla presenza sulle palline del 1,4 butandiolo, nocivo per ingestione, precursore dell'acido gamma idrossibutirrico, con effetti sul sistema nervoso centrale, il Ministero della Salute ha disposto a tutti i Comandi Carabinieri per la Sanità, di verificare la presenza di tali articoli sul mercato nazionale, di provvedere al sequestro e al prelievo dei campioni da inviare all'Istituto Superiore di sanità.

I risultati delle analisi dell'Istituto Superiore di Sanità hanno confermato la presenza di tale sostanza chimica.

Sono state sequestrate 56.738 confezioni presso la Giochi Preziosi.

Per la distruzione dei sopraccitati giocattoli la ditta sta provvedendo all'individuazione di un impianto idoneo allo scopo.

Non ci risulta che nel mercato italiano vi siano più in vendita confezioni di tale giocattolo, comunque chiunque rinvenisse o detenesse in casa tale articolo è pregato di consegnarlo presso un qualsiasi Comando Carabinieri per la Tutela della Salute.

Fonte: Comunicato stampa del 17 aprile 2008

Data di pubblicazione: 5 giugno 2008, ultimo aggiornamento 11 giugno 2013