Animali, prodotti di origine animale e mangimi provenienti da Paesi terzi, controlli PIF

Immagine raffigurante un allevamento di maiali
Icona rotelline ingranaggi

Cosa facciamo


I Posti di Ispezione Frontaliera (PIF) effettuano controlli veterinari su animali vivi, prodotti di origine animale e mangimi provenienti da Paesi terzi e destinati al mercato comunitario o in transito verso altri Paesi terzi



Icona mela

Perché è utile alla tua salute


Oltre ai controlli veterinari sui prodotti di origine animale al fine di individuare prodotti potenzialmente pericolosi per la salute del consumatore, i PIF svolgono un compito di supporto tecnico ed operativo agli Uffici Doganali per il contrasto del commercio clandestino di prodotti e animali. Tale compito è fondamentale per evitare l'introduzione di alimenti a rischio o di malattie altamente contagiose per gli animali o per l'uomo (afta epizootica, influenza aviaria, rabbia e altri agenti patogeni)



Icona diagramma a barre

In cifre


Nel 2014 i PIF hanno sottoposto a controllo 52.081 partite di animali, prodotti di origine animale e mangimi da oltre 100 Paesi terzi.
I controlli sono stati effettuati su ogni partita, al fine di verificare la correttezza della documentazione e l'identità dei prodotti in arrivo. Su 52.081 partite, 25.611 sono state sottoposte a controllo fisico/materiale e 2.193 a controlli di laboratorio. Il controllo veterinario da parte dei PIF ha portato al respingimento di 317 partite, ritenute potenzialmente pericolose per la salute del consumatore o degli animali



Icona omino davanti al PC

Come puoi conoscere i risultati


La descrizione e i risultati delle attività svolte dai PIF sono riportati nella Relazione attività PIF, predisposta annualmente e pubblicata sulla pagina web del Ministero della Salute



Icona operatore medico

Com'è utile agli operatori e alle imprese


I PIF gestiscono la tracciabilità degli animali e dei prodotti di origine animale attraverso il sistema informativo comunitario TRACES che consente agli operatori di notificare gli arrivi delle merci per via informatica e alle autorità sanitarie di poter ridurre l'impatto burocratico sulle imprese destinatarie


Data di pubblicazione: 8 aprile 2014, ultimo aggiornamento 3 aprile 2015