Il progetto di ricerca sulla malattia di Alzheimer

Direzione 


Direttore Direttore:

  • Sede -
  • Telefono:
  • E-mail:

Funzioni Funzioni

Questo progetto ha una rilevanza speciale negli ultimi anni, ed è stato varato per dedicare particolare attenzione alle problematiche della demenza il cui peso sugli individui, sulle famiglie e sulla società è destinato ad aumentare nei prossimi anni a causa dell'innalzamento dell'età demografica.
Nei paesi avanzati, infatti, il notevole aumento e l'incidenza dei casi di demenza impone difficili problemi di ordine clinico-assistenziale, che nessun sistema sanitario è ancora riuscito a risolvere in modo pienamente soddisfacente.

La ricerca
Le linee di ricerca attuali di maggiore rilevanza riguardano l'individuazione sempre più precisa dei fattori di rischio genetici ed ambientali, la definizione dei criteri per una diagnosi il più possibile precoce della malattia, e l'identificazione di strategie terapeutiche capaci di portare se non alla guarigione almeno ad un soddisfacente controllo dela malattia.

Il progetto di ricerca si articola in quattro aree:
1) area epidemiologica
  in cui si studia il rapporto tra patologie quali quelle cardiache e quelle vascolari e la malattia di Alzheimer; le alterazioni genetiche che possono portare alla malattia. Un campo di ricerca molto interessante è rappresentato dal rapporto tra rischio ambientale e m. di Alzheimer.
2) area di biologia sperimentale
  la ricerca in questo settore, che studia i meccanismi cellulari e molecolari, deve approfondire le problematiche che interessano i sistemi difensivi e riparativi che il sistema nervoso adotta per contrastare o sopprire alla morte neuronale.
3) area biomedica
  riguarda lo studio delle sostanze che, ognuna con uno specifico meccanismo d'azione, hanno dimostrato di avere un'efficacia curativa o protettiva nei riguardi della m. di Alzheimer.
4) area di ricerca sanitaria
  una parte importante della ricerca sulla malattia di Alzheimer consiste nella sperimentazione di modelli assistenziali innovativi, che possano essere riproposti su vasta scala in modo da contribuire al miglioramento delle rete integrata dei servizi per i pazienti anziani non autosufficienti e con malattia di Alzheimer.

Elaborazione dei risultati
I risultati della ricerca permetterano di pianificare un programa di prevenzione della malattia di Alzheimer, e di costruire delle banche dati sulla prevalenza e l'incidenza delle demenze nella popolazione italiana.
Naturalmente si prevede che le terapie farmacologiche e le strategie riabilitattive possano essere molto più efficaci di quelle attualmente disponibili.
  • Condividi
  • Stampa
  • Condividi via email