In attesa dell'adozione del regolamento interno che disciplina le varie tipologie di accesso e in relazione alle disposizioni contenute nel Piano triennale per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza 2017-2019, si forniscono di seguito le informazioni sull'accesso civico al Ministero della salute.

Accesso civico

L'istituto dell'accesso civico è previsto dall'art. 5, comma 1, del d.lgs. 33/2013.

E' finalizzato a consentire a chiunque l'accesso nei confronti dei documenti, delle informazioni e dei dati che, seppure oggetto di pubblicazione obbligatoria ai sensi delle disposizioni normative sulla trasparenza, non sono stati pubblicati dall'amministrazione.

Come trasmettere l'istanza

L'istanza è gratuita, salvo il rimborso del costo effettivamente sostenuto e documentato dall'amministrazione per la riproduzione su supporti materiali, e può essere trasmessa in via telematica o con raccomandata A/R, utilizzando il modulo di accesso civico, alternativamente a uno dei seguenti uffici:

Scarica il modulo di accesso civico (formato word, 30 Kb) (formato pdf, 178 Kb)

Il procedimento è concluso nel termine di trenta giorni dalla presentazione dell'istanza.

Nei casi di diniego, totale o parziale, dell'accesso o di mancata risposta entro il termine prescritto, l'interessato può presentare richiesta di riesame al Responsabile per la trasparenza.

Il Responsabile per la trasparenza decide nel termine di venti giorni.

Nelle ipotesi di mancata risposta entro i termini suddetti, è ammesso il ricorso al titolare del potere sostitutivo.

Contro il provvedimento di diniego, totale o parziale, all'accesso o di mancata risposta entro il termine prescritto è ammesso ricorso al Tribunale amministrativo regionale.

Data di pubblicazione: 26 settembre 2013, ultimo aggiornamento 7 febbraio 2017