Sei in: Home > Notizie > La Salute per l'Expo 2015. Appuntamenti, 26 e 28 maggio e 1° giugno

La Salute per l'Expo 2015. Appuntamenti, 26 e 28 maggio e 1° giugno

immagine di un papà e di una mamma che preparano da mangiare assieme ai loro figli

Eventi organizzati dal Ministero della salute in Padiglione Italia.

Vivaio scuole

26 maggio - 2 incontri: ore 16.30 e ore 17.00

La sicurezza del cibo industriale

Durante l'incontro verranno presentati ai ragazzi i principi della sana alimentazione e di sicurezza alimentare in ambito industriale per far comprendere il ruolo dell’industria nella lavorazione delle materie prime per trasformale in "cibo sicuro": si faranno dei semplici esempi che possano far comprendere ai ragazzi come la tecnologia industriale può contribuire al nostro benessere!

L'incontro sarà condotto dalla dr.ssa Franca Marangoni, Responsabile della Ricerca della Nutrition Foundation of Italy.

28 maggio ore 12.00-13.00

La corretta alimentazione nella ristorazione scolastica

L’incontro avrà l’obiettivo di sensibilizzare gli alunni della scuola primaria su tematiche importanti quali la corretta alimentazione, le allergie e le intolleranze alimentari. Durante l'intervento verrà presentata l’importanza dell’assunzione di frutta e verdura, che andrebbero consumate quotidianamente. Verrà sottolineata, inoltre, l’importanza di praticare attività fisica e di bere acqua quotidianamente.  É fondamentale variare la propria alimentazione sin da piccoli, introducendo tutti gli alimenti appartenenti ai diversi gruppi nella propria dieta.  Verranno successivamente “raccontate” in breve le intolleranze alimentari più diffuse come, ad esempio, la celiachia. Verrà illustrata l’importanza di saper leggere le etichette e prestare massima attenzione ai prodotti che si consumano!
Anche a scuola è possibile mangiare in sicurezza: le società di ristorazione devono, infatti, offrire diete speciali su richiesta degli interessati.

Relatrici: Elena Galimberti, Responsabile Qualità e Sicurezza Alimentare e Claudia Saroni, Responsabile delle attività di Educazione Alimentare esperte Angem - Oricon

Spazio Donna

1 giugno ore 11.00-12.00

Come la corretta alimentazione nella donna può aiutare la salute delle ossa

L’osteoporosi è una condizione comune che rende le ossa fragili e facili a fratture. Le donne sono a maggior rischio di osteoporosi dopo la menopausa come conseguenza dell’abbassamento dei livelli di estrogeni, che concorrono a mantenere la massa ossea. Il rischio di osteoporosi aumenta con l’età per una ridotta mobilizzazione e deficit nutrizionali. L’osteoporosi è solitamente asintomatica, può essere riconosciuta in seguito al riscontro di fratture.
La diagnosi si basa sulla storia clinica e sulla valutazione della densità del tessuto osso mediante Mineralometria Ossea Computerizzata. Fortunatamente è possibile prevenirla o trattarla quando già presente.
I trattamenti preventivi più importanti sono rappresentati dalla dieta, l’attività fisica e l’astensione dal fumo. Non esiste una dieta specifica o particolare per l’osteoporosi, ma i principali elementi per la formazione del tessuto osseo quali minerali essenziali, vitamine e proteine devono essere assunti in quantità adeguata. Un ruolo chiave è giocato dal calcio e della vitamina D, che insieme concorrono a mantenere un’appropriata massa e densità ossea. E’ consigliata l’assunzione di almeno 1000 mg di calcio al giorno, sia dagli alimenti naturali che dai supplementi ma non quantità superiori a 2000 mg/die onde evitare effetti collaterali. La vitamina D è principalmente prodotta dal nostro organismo dopo esposizione, anche non intensiva, ai raggi solari; tuttavia una parte importante è anche assunta con l’alimentazione. I principali alimenti ricchi di vitamina D sono pesce, uova e latticini.

Relatore Prof. Meroni, Dip. Reumatologia Università di Milano. Esperto ONDA.

1 giugno ore 12.30-13.30

Alimentazione e Iodoprofilassi: prevenzione della carenza Iodica 

Verranno illustrate durante l'incontro le fonti di iodio nella nostra alimentazione, le dosi raccomandate, il fabbisogno di questo importante elemento durante la gravidanza e durante l'allattamento.
Saranno in dettaglio presentate tutte le possibili cause della carenza iodica e i relativi problemi correlati. La Iodoprofilassi è fondamentale nel nostro Paese in quanto la carenza iodica comporta seri problemi come il rallentamento della crescita, un possibile scarso rendimento scolastico, fino a determinare comparsa di gozzo e di noduli tiroidei.
Verrà poi illustrato come l'utilizzo del sale iodato sia una particolare attenzione del Ministero della salute che da anni, insieme all’Istituto Superiore di Sanità (OSNAMI Osservatorio nazionale Iodoprofilassi), segue attente politiche sanitarie sulla iodoprofilassi.

Relatore Professor Piernicola Garofalo, Palermo (AME onlus - SIMA).


Data di pubblicazione: 22 maggio 2015