Home / News e media - Notizie / Ministro Balduzzi presenta Relazione 2012 sull'interruzione volontaria di gravidanza

Ministro Balduzzi presenta Relazione 2012 sull'interruzione volontaria di gravidanza

Il Ministro della Salute Renato Balduzzi ha presentato al Parlamento il 9 ottobre 2012 la Relazione sull’attuazione della Legge contenente norme per la tutela sociale della maternità e per l’interruzione volontaria di gravidanza (Legge 194/78).
La raccolta e l’elaborazione dei dati (preliminari 2011 - definitivi 2010) ha impegnato l’Istituto superiore di sanità (ISS), il Ministero della salute e l’Istat da una parte, le Regioni e le Province autonome dall’altra.

Di seguito il commento conclusivo del Ministro sui dati, tratto dalla sua articolata presentazione al documento:

“I dati evidenziano che nel nostro Paese prosegue la tendenza alla diminuzione del numero di IVG e quindi del tasso di abortività e che nella grande maggioranza dei casi il ricorso a questo intervento rappresenta l’ultima scelta, essendo stati tentati prima metodi per evitare gravidanze indesiderate. La riduzione percentuale di aborti ripetuti è la più significativa dimostrazione del cambiamento nel tempo del rischio di gravidanze indesiderate, poiché, se tale rischio fosse rimasto costante nel tempo, si sarebbero avute attualmente percentuali doppie rispetto a quelle osservate.

La sostanziale riduzione dell’aborto clandestino e l’eliminazione della mortalità e morbilità materna ad esso associata si accompagnano con la riduzione dell’IVG, ottenuta anche grazie alla promozione di un maggiore e più efficace ricorso a metodi di procreazione consapevole, alternativi all’aborto, secondo gli auspici della legge.

La promozione della procreazione responsabile costituisce la modalità più importante per la prevenzione dell’aborto. Per conseguire tale obiettivo, è importante potenziare la rete dei consultori familiari, che costituiscono i servizi di gran lunga più competenti nell’attivazione di reti di sostegno per la maternità, in collaborazione con i servizi sociali dei comuni e con il privato sociale. Specifica attenzione dovrà anche essere posta verso i gruppi di donne straniere a maggior rischio di ricorso all’IVG con  specifici interventi di prevenzione che tengano conto anche delle loro diverse condizioni di vita, di cultura e di costumi.”

Leggi la presentazione del Ministro Balduzzi.

Leggi la Relazione e scarica tutte le tabelle



Data di pubblicazione: 9 ottobre 2012 , ultimo aggiornamento 9 gennaio 2013


Condividi

  • Facebook
  • Twitter
  • Stampa
  • Invia email


News e Media

.