Sei in: Home > Appendice - Sezioni regionali > Regione Val D'Aosta

Regione Val D'Aosta

Organizzazione e gestione del sistema di audit sulle Autorità


Autorità Competente Regionale (ACR)

Il servizio in ambito regionale della Valle d'Aosta che si occupa di sicurezza alimentare ha l'appellativo di Servizio di Igiene, Sanità Pubblica, Veterinaria e degli Ambienti di Lavoro.

Il servizio di Igiene, Sanità Pubblica, Veterinaria e degli Ambienti di Lavoro è l'organo dell'Assessorato alla Sanità, Salute e Politiche Sociali della Regione Autonoma Valle d'Aosta preposto allo svolgimento di funzioni di indirizzo e controllo all'interno di materie specifiche quali:

  Igiene e sanità pubblica:

  • Profilassi da malattie infettive e vaccinazioni;
  • Medicina sportiva;
  • Polizia mortuaria;
  • Controllo sull'impiego dei gas tossici;
  • Controllo sull'utilizzo di radiazioni ionizzanti e non ionizzanti;
  • Controllo sull'impiego di gas medicinali;
  • Autorizzazioni al commercio di cosmetici. 

     Sicurezza alimentare e tutela della salute del consumatore:

  • Gestione acque;
  • Controlli ufficiali sugli alimenti;
  • Sistema di allerta alimentare;
  • Controllo sui laboratori che effettuano analisi in autocontrollo;
  • Controllo sui micologi;
  • Controllo sul commercio di prodotti fitosanitari;
  • Attribuzione Riconoscimenti CE;
  • Indirizzo sui controlli inerenti latte crudo.

   Salute animale e igiene urbana veterinaria:  

  • Indirizzo e controllo in materia di salute animale;
  • Indirizzo e controllo in materia di benessere animale;
  • Indirizzo e controllo sull'alimentazione animale;
  • Indirizzo e controllo sul canile regionale;
  • Gestione dell'anagrafe canina;
  • Controllo sull'utilizzo dei farmaci veterinari;
  • Controllo sull'autorizzazione alle strutture sanitarie;
  • Controllo della fauna selvatica;
  • Controllo sulle colonie feline.

 Salute e sicurezza sui luoghi di lavoro:

  • Indirizzo e controllo in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro e sulle attività lavorative ubicati nel territorio regionale;
  • Indirizzo e controllo in materia di bonifica e smaltimento amianto;
  • Non conformità delle macchine;
  • Autorizzazione alla coltivazione delle cave minerarie;
  • Sostanze chimiche: reach;
  • Gruppo di coordinamento sulla sicurezza sui luoghi di lavoro.

Organigramma: l’organico della struttura è composto da un Veterinario dirigente a tempo pieno, un Veterinario incaricato a tempo determinato, un Medico a tempo determinato, tre amministrativi di ruolo ed uno incaricato a tempo determinato.

Sistemi informativi: il servizio dispone di un unico sistema informativo chiamato SI.VE., nel quale vengono caricate le anagrafiche delle aziende da parte delle strutture complesse dell’Azienda USL e tutti i controlli ufficiali espletati.

Laboratori: i laboratori utilizzati per le analisi degli alimenti sono quelli dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale Piemonte Liguria e Valle d’Aosta e quelli dell’ARPA.

 

Autorità Competente Locale

Nella Regione Valle d’Aosta è presente un’unica USL che è organizzata in Dipartimenti. Il Dipartimento che si occupa di alimenti è denominato Dipartimento di Prevenzione e si compone di sette strutture complesse: Medicina Legale, Igiene e Sanità Pubblica, Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro, Igiene Alimenti e Nutrizione (SIAN), Sanità Animale (area A), Igiene Alimenti di Origine Animale (area B), ed Igiene Allevamenti e Produzioni Zootecniche (area C).

I servizi che si occupano di alimenti sono il SIAN, le aree A, B e C.

SIAN:

Il Servizio d'igiene degli alimenti e della nutrizione, ai sensi della L.283/1962, del titolo I del relativo regolamento d'esecuzione, approvato con D.P.R. 327/80, del decreto legge 18 giugno 1986, n. 282 (misure urgenti in materia di prevenzione e repressione delle sofisticazioni alimentari), convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 1986, n. 462, del decreto del Presidente della Repubblica 24 maggio 1988, n. 236 (attuazione della direttiva CEE n. 80/778 concernente la qualità delle acque destinate al consumo umano, ai sensi dell’art. 15 della legge 16 aprile 1987, n. 183) e del decreto legislativo 3 marzo 1993, n. 123 (attuazione della direttiva 89/397/CEE relativa al controllo ufficiale dei prodotti alimentari), svolge i seguenti compiti ed attribuzioni:

  • Attività di vigilanza e controllo sulle bevande e alimenti per l’alimentazione umana, compresi gli alimenti dietetici e per l’infanzia, inteso come controllo degli alimenti, delle strutture e delle apparecchiature dove avviene la produzione, manipolazione, conservazione, vendita e consumo degli alimenti e bevande, nonché dei loro imballaggi, avvalendosi, per la parte analitica, dei laboratori dell’ARPA;
  • Attività di vigilanza e controllo sulle acque destinate a consumo umano, sulle acque minerali ed artificiali, avvalendosi, per la parte analitica, dei laboratori dell’ARPA;
  • Censimento delle attività di produzione, commercializzazione e somministrazione degli alimenti;
  • Tenuta del registro delle autorizzazioni, dei nulla osta e degli aggiornamenti di cui all’art.25 e seguenti del DPR 327/80, nonché dei provvedimenti adottati in conseguenza di trasgressioni;
  • La formulazione del parere d'idoneità ai fini dell’autorizzazione sanitaria ai sensi dell’art. 2 della legge 30 aprile1962, n. 283 e dal DPR 26 marzo 1980, n. 327.

Il Servizio di igiene degli alimenti e della nutrizione svolge altresì i seguenti compiti in materia di educazione alimentare e nutrizionale:

  • Rilevazione dei consumi alimentari della popolazione per fasce a rischio o gruppi specifici; 
  • Costituzione di profili di rischio e di qualità igieniche nutrizionali in relazione ai consumi alimentari della popolazione;
  • Attività d'educazione alimentare anche in relazione agli indicatori individuati;
  • Cura della redazione di materiale didattico ed illustrativo per le campagne d'educazione alimentare;
  • Attività di consulenza tecnica per il riconoscimento delle diverse specie fungine raccolte a favore degli utenti raccoglitori e/o diretti consumatori;
  • Collaborazione con le strutture ospedaliere per il supporto tecnico in caso d'intossicazioni alimentari;
  • Organizzazione di corsi didattici, convegni di studio, iniziative culturali e scientifiche per l’informazione e l’educazione alimentare e nutrizionale.
  • Avviamento dell'attività di formazione degli operatori addetti alla preparazione, manipolazione somministrazione e vendita alimenti e bevande.

I Tecnici della Prevenzione appartenenti al S.I.A.N. svolgono inoltre, in collaborazione e per conto del Servizio Veterinario Igiene degli Alimenti d'Origine Animale, la vigilanza sulle macellerie, caseifici, casere, produzione di miele, così come disposto dalla L.R. 41/95.

L’organico è composto da un direttore, 2 medici, 15 tecnici della prevenzione e 2 amministrativi.

L’area A svolge i seguenti compiti:

  • Profilassi delle zoonosi e delle altre malattie degli animali soggette a misure di polizia veterinaria
  • Programmi di bonifica sanitaria e di eradicazione delle malattie di interesse antropozoonosico e zoosanitario
  • Attestazioni di allevamento ufficialmente indenne
  • Prestazione diagnostica o intervento imunizzante per esigenze di commercio o spostamento
  • Anagrafe e tutela dei cani
  • Vigilanza preventiva e permanente sugli impianti e concentramenti animali
  • Sopralluoghi per manifestazioni zootecniche e sportive
  • Redazione modelli 4 - dichiarazione di provenienza degli animali
  • Controllo sanitario di animali in partenza per l'estero o le isole
  • Osservazione sanitaria di animali per la profilassi della rabbia
  • Controllo popolazione volatili e sinantropi
  • Accertamento delle condizioni igieniche dei mezzi di trasporto di animali e modalità di trasporto
  • Osservazione epidemiologica Vigilanza e controllo, su richiesta delle competenti autorità di gestione, sulla fauna del Parco nazionale del Gran Paradiso, dei parchi regionali , delle oasi di protezione e delle riserve anche se di proprietà dei privati
  • Attività di disinfezione e disinfestazione nelle stalle e stabilimenti di competenza (alpeggi inclusi)
  • Rilascio certificati per animali (da reddito o da affezione) destinati all'esportazione Nulla osta per importazione di animali dall'estero o da altre regioni italiane
  • Nulla osta per svernamento, reintroduzione e alpeggio
  • Certificazione sanitaria per riproduttori maschi adibiti alla monta naturale pubblica
  • Controlli documentale, materiale e di laboratorio, su richiesta dell'Ufficio Veterinario per gli Adempimenti CEE, relativamente a partite di animali introdotte dall'estero
  • Sistema informativo veterinario per la raccolta dei dati e la soddisfazione dei debiti informativi
  • Attuazione del sistema delle emergenze sanitarie Educazione igienico sanitaria

L’organico è composto da 1 direttore, 11 Veterinari dirigenti, 5 Veterinari ACN, 19 operatori tecnici di ruolo + 4 non di ruolo, 2 amministrativi ed un assistente tecnico.

 

L’area B svolge i seguenti compiti:

  • Visita ispettiva ante e post mortem di tutte le specie animali nei macelli autorizzati
  • Ispezione veterinaria all’entrata delle carni in depositi frigoriferi non annessi a macelli o laboratori
  • Attestazione di idoneità al consumo di suini macellati a domicilio dei privati per uso personale
  • Attestazione di idoneità di automezzi o contenitori isotermici adibiti al trasporto di alimenti di origine animale
  • Prestazione per certificazioni o pareri non previsti dalla normativa sanitaria, su richiesta di Enti o privati
  • Rilascio di pareri preventivi su progetti o strutture da destinare a produzione o commercio di alimenti di origine animale
  • La vigilanza sugli impianti di macellazione, sezionamenti, trasformazione, confezionamento, deposito, commercializzazione dei vari prodotti di origine animale con le modalità previste dalle specifiche norme di settore vigenti. Tale vigilanza è finalizzata a garantire, in via preventiva, l’igienicità delle operazioni anzidette attraverso appositi programmi di interventi, di informazione ed educazione degli operatori
  • Il controllo sui trattamenti degli animali in macellazione con sostanze vietate, nonché sui residui di farmaci impiegati nell’alimentazione e nella terapia dei medesimi
  • L’osservazione epidemiologica al macello e sugli animali morti
  • Il supporto veterinario agli organi di vigilanza preposti al controllo ufficiale degli alimenti per quanto concerne gli alimenti di origine animale
  • Il controllo sul latte e sulle produzioni lattiero – casearie
  • L’educazione igienico – sanitaria e l’informazione scientifica
  • La collaborazione, con il Servizio di igiene degli alimenti e della nutrizione, alla predisposizione ed alla verifica dei piani di controllo ufficiale degli alimenti di origine animale
  • L’applicazione del Regolamento CEE 1774 / 2002 del 3 ottobre 2002 riguardante il trattamento dei sottoprodotti di origine animale
  • La vigilanza sull’applicazione del Regolamento CEE 1760/00 riguardante l’etichettatura delle carni fresche, congelate, surgelate e sulla carne trita di bovino

L’organico è composto da 1 Direttore, 10 Veterinari dirigenti,3 Veterinari con contratto ACN, 2 amministrativi di ruolo + uno non di ruolo.

L’area C svolge i seguenti compiti:

  • vigilanza e controllo sulla distribuzione e sull'impiego del farmaco veterinario
  • vigilanza e controllo sull'alimentazione animale
  • vigilanza e controllo sulla riproduzione animale e sull'assistenza zooiatrica
  • sorveglianza sul benessere animale (grandi e piccole taglie compresi animali da compagnia
  • igiene dei ricoveri animali
  • vigilanza e controllo sugli impianti di acquacoltura pubblici e privati
  • esame e valutazione dei progetti per la costruzione di strutture destinate a stalle o al servizio della zootecnia
  • registrazione stalle con controllo dei requisiti necessari per allevamento bovine da latte destinato al consumo umano
  • attestazione di idoneità a stalle di sosta, ambulatori veterinari privati, mangimifici
  • educazione igienico-sanitaria e informazione scientifica

L’organico è composto da 1 direttore, 3 veterinari dirigenti, 3 veterinari ACN, 3 amministrativi ed un assistente tecnico.


Organizzazione e gestione del sistema di audit sulle Autorità competenti

 

Nessuna informazione disponibile

 


Organizzazione e gestione di attività di controllo a carattere regionale (tipologia 5)

 

 

 


Data di pubblicazione: 1 gennaio 2015


Condividi:

  • Facebook

Media voti

0

Totale Voti

0