Sei in: Home > Appendice - Sezioni regionali > Regione Puglia

Regione Puglia

Organizzazione delle Autorità competenti regionali e locali

L’Autorità Competente Regionale è individuata nell’ambito del Dipartimento per la Promozione della Salute , del Benessere e dello Sport per tutti alla Sezione Promozione della Salute e del benessere.

Risorse umane assegnate al Servizio: Complessivamente presso il Servizio SASV: sono presenti oltre il Dirigente , n°7 unità di personale di cui e n°5 funzionari Categoria D e  n°2 impiegati Categoria C. Il Servizio SASV si avvale della collaborazione di Dirigenti/Direttori dei Servizi ASL afferenti alle diverse Aree del Dipartimento di Prevenzione  ( SIAN , SIAV A, SIAV B , SIAV C). 

Per una puntuale ripartizione delle competenze si rimanda alla Determina Dirigenziale della Sezione Promozione della Salute e del Benessere n° 436 del 13/4/2017.

Competenze regionali in materia di Controlli ufficiali di Sicurezza Alimentare:

Le principali materie attribuite al Servizio Sicurezza Alimentare e Sanità Veterinaria sono:

  • Sicurezza alimentare (igiene degli alimenti di origine animale , igiene degli alimenti di origine vegetale, sicurezza dei mangimi);
  • igiene della nutrizione; 
  • igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche e benessere animale;
  • Organismo di audit interno;
  • Sorveglianza epidemiologica delle malattie infettive degli animali;
  • Prevenzione randagismo.


Inoltre al Servizio spettano le seguenti funzioni :

  • Compiti di indirizzo e coordinamento delle attività territoriali delle ASL; 
  • L’elaborazione e l’adozione dei piani regionali di controllo;
  • L’individuazione degli standard di funzionamento delle A.C. (in tema di procedure per lo svolgimento dei controlli, organizzazione interna, piani di formazione, ecc.);
  • Il controllo e monitoraggio sulle attività delle ASL;
  • L’elaborazione delle rendicontazioni previste;
  • L’attuazione audit regionali e l’adozione di misure appropriate alla luce dei risultati degli audit art. 4 regolamento (CE) 882/2004) dei controlli ufficiali in generale e di ogni altro elemento ritenuto utile al miglioramento del sistema di produzione e controllo;
  • Esecuzione controlli ufficiali di competenza;
  • Formazione ed aggiornamento al personale dei Servizi delle AASSLL competenti in materia;
  • Partecipa ai lavori delle Commissioni Interregionali e Ministeriali sugli argomenti di cui sopra.

ORGANIZZAZIONE DEL LIVELLO LOCALE

Le Aziende Sanitarie Locali è più precisamente i Dipartimenti di Prevenzione si articolano nelle seguenti Unità Operative Complesse:

  1. Igiene e Sanità Pubblica (SISP),
  2. Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (SPESAL),
  3. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione (SIAN),
  4. Sanità animale (SIAV AREA A),
  5. Igiene della produzione, trasformazione, commercializzazione, conservazione e trasporto degli alimenti di origine animale e loro derivati (SIAV AREA B),
  6. Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche (SIAV AREA C).

I principali atti organizzativi del Sistema Sanitario Regionale sono:

  • LEGGE REGIONALE 3 agosto 2006, n. 25 “Principi e organizzazione del Servizio sanitario regionale” e smi;
  • REGOLAMENTO REGIONALE 30 giugno 2009, n. 13 “Organizzazione del Dipartimento di Prevenzione” e s.m.i..

Competenze dei Servizi:


Competenze locali  in materia di Controlli ufficiali di Sicurezza Alimentare

Alle Aziende Sanitarie Locali in particolare ai Servizi competenti SIAN, SIAV A , SIAV B e SIAV C sono attribuite le seguenti attività:

  • pianificazione e programmazione a livello locale dei controlli ufficiali sugli operatori del settore;
  • esecuzione a livello locale dei controlli ufficiali sugli operatori del settore;
  • supervisione sulle attività di controllo svolte;
  • elaborazione delle rendicontazioni previste;
  • adozione di misure appropriate alla luce dei risultati degli audit art. 4, paragrafo 6, del Regolamento (CE) 882/2004, dei controlli ufficiali in generale e di ogni altro elemento ritenuto utile al miglioramento del sistema di produzione e controllo;
  • adozione di tutti i provvedimenti conseguenti ai Controlli Ufficiali ai sensi dell’art 54 e 55 del Reg. CE 882/04;


Il D.Lgs. n. 193/2007 e s.m.i. (recepimento della Direttiva 2004/41 CE) che all'art. 1 stabilisce che: "Ai fini dell'applicazione dei regolamenti (CE) 852/2004, 853/2004, 854/2004 e 882/2004, e successive modificazioni, per le materie disciplinate dalla normativa abrogata di cui all'art. 3, le Autorità competenti sono:

  •  il Ministero della salute,
  • le regioni, le province autonome di Trento e di Bolzano e
  • le Aziende sanitarie locali, nell'ambito delle rispettive competenze.


A livello di ASL, come stabilito nelle disposizioni regionali sopra richiamate, l’Autorità Competente Locale è individuata nei Servizi  che svolgono le attività di Controllo Ufficiale in materia di Sicurezza Alimentare e Sanità Veterinaria :

  • Igiene degli Alimenti e della Nutrizione (SIAN) ;
  • Sanità Animale (SIAV Area A);
  • Igiene della produzione, trasformazione , commercializzazione , conservazione e trasporto degli alimenti di origine animale e loro derivati (SIAV Area B);
  • Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche (SIAV Area C).


I Direttori dei Servizi possono delegare formalmente la funzione di Autorità Competente ai Dirigenti Medici o Veterinari del Servizio.

Per quanto attiene alle misure di attuazione di cui all’art. 54 del Reg. CE 882/2004, lo stesso art. 54 prevede  diverse azioni che può intraprendere l'Autorità Competente per garantire che l'OSA ponga rimedio ad eventuali non conformità rilevate in sede di controllo ufficiale. Tali azioni devono essere adottate dalla Autorità Competente tenendo conto di quanto previsto dalle disposizioni sul Procedimento Amministrativo ordinario (L. 241/1990 e s.m.i.). e dalle altre norme dall'ordinamento giuridico di riferimento.

I Direttori dei Servizi possono delegare ai Dirigenti Medici o Veterinari  l’adozione di tutte o solo di una parte delle misure previste dal citato art. 54 del Reg. CE 882/2004.  I Direttori possono inoltre delegare anche i Tecnici della Prevenzione, che hanno effettuato il Controllo Ufficiale, limitatamente alle misure di cui alle lettere a) e b) dello stesso art. 54.


Organizzazione e gestione del sistema di audit sulle Autorità competenti

Descrizione sintetica dell’organizzazione e gestione del sistema di audit dell’autorità competente regionale (in allegato), ai sensi dell’ art. 4(6) del Reg. 882/04.


Organizzazione e gestione di attività di controllo a carattere regionale (tipologia 5)

Nessuna informazione disponibile


Data di pubblicazione: 19 settembre 2019


Condividi:

  • Facebook

Media voti

0

Totale Voti

0