Emissioni di inquinanti

FONTE: Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

EMISSIONI DI INQUINANTI IN ATMOSFERA, NELLE ACQUE, NEL SUOLO E TRASFERIMENTI FUORI SITO DI INQUINANTI NELLE ACQUE REFLUI E TRASFERIMENTI  FUORI SITO DI RIFIUTI
(D.Lgs. 152/2006; Regolamento(CE) 166/06)

 

Macroarea: Attività a Carattere Trasversale
Settore: AMBIENTE
Tipologia dell'attività: 4b - Attività di controllo ufficiale svolte sull’intero territorio nazionale, diverse dai Piani specifici comunitari, con organizzazione centrale e programmazione regionale


AC Centrali:

MATTM

Ruoli:

Trasmissione delle informazioni alla Commissione Europea e validazione dei dati degli stabilimenti di competenza nazionale, i dati così raccolti saranno resi disponibili al pubblico al termine delle procedure di validazione da parte delle autorità competenti.
Attualmente (marzo 2010)  è disponibile on-line il portale del registro E-PRTR (http://prtr.ec.europa.eu), realizzato dalla Commissione Europea e dall'Agenzia Europea per l'Ambiente. I dati disponibili sono relativi ai 27 Stati membri e riferiti al 2007, primo anno di riferimento per la raccolta dati ai sensi del Regolamento (CE) n.166/2006.

 

ISPRA

Ruoli:

Revisione dei dati e predisposizione di report di sintesi da inviare alle autorità competenti.

 

AC Regionali:

Regione/Provincia

Ruoli:

Controllo e validazione dei dati degli stabilimenti di competenza regionale/provinciale.

 


Categorizzazione degli eventuali rischi e modalità di applicazione delle categorie di rischio

Non applicabile

 

Frequenza (o criteri per stabilire frequenza)

La “frequenza di controllo” è  annuale

 

Luogo e momento del controllo

Azienda dichiarante (in qualità di fornitore dei dati)

 

Metodi e tecniche

Le informazioni del Registro PRTR sono raccolte attraverso una comunicazione che i complessi che svolgono una o più attività dell’Allegato I del Regolamento E-PRTR effettuano annualmente, compilando le Dichiarazioni E-PRTR su un sistema informatico di raccolta dati (www.eprtr.it).
I metodi e le tecniche è stabilito attualmente in parte dal Rapporto tecnico pubblicato a gennaio 2008 dall’APAT “Il Registro E-PRTR (European Pollunt Release and Trasfer Register) – Attuazione del regolamento CE n.166/06” contenete in particolare le linee guida e il Questionario per la Dichiarazione PRTE.

 

Modalità rendicontazione, verifica e feedback

Annualmente ISPRA riceve le Autodichiarazioni delle Aziende, mediante un sistema informatico di raccolta dati (www.eprtr.it), con cui l’azienda dichiarante  procede alla compilazione della Dichiarazione E-PRTR.
Sulla base dei dati ricevuti, ISPRA redige un Report nazionale triennale da inviare alla CE in formato  elettronico.

 


Data di pubblicazione: 1 gennaio 2015

Tag associati a questa pagina: Ambiente


Condividi:

  • Facebook