Apicoltura - Centro di Referenza Nazionale

FONTE: Centri di Referenza Nazionali (CRN)

CRN per l’Apicoltura (CRNA)

Sede:
Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie
Viale dell'Università, 10
35020 Legnaro (PD)

Numero di accreditamento:
0155

Responsabile:
Franco Mutinelli
Tel: 049 8084287
Fax: 049 8084258
e-mail: fmutinelli@izsvenezie.it

Contatti:
Anna Granato
Tel: 049 8084150
e-mail: agranato@izsvenezie.it

Albino Gallina
Tel: 049 8084344
e-mail: agallina@izsvenezie.it

Sito web:
www.izsvenezie.it
www.izsvenezie.it/istituto/centri-di-referenza-nazionale/apicoltura/

Decreto di istituzione del CRN:
Decreto 13 febbraio 2003 del Ministero della Salute (G.U. 7 aprile 2003 n. 81)

 



Obiettivi, scopi e finalità del Centro di Referenza Nazionale:

  • Diagnosi delle malattie dell’alveare;
  • analisi chimico-fisica e microbiologica dei prodotti dell’alveare (D. Lgs. 179/04 e s.m.i.);
  • analisi chimica per la determinazione di residui di fitofarmaci, inquinanti ambientali (metalli pesanti, IPA, PCB), farmaci veterinari;
  • servizio di supporto tecnico-scientifico agli II.ZZ.SS, alle competenti autorità di regioni e PP.AA., agli apicoltori, alle associazioni di categoria regionali e nazionali, alle aziende di lavorazione e confezionamento;
  • elaborazione di programmi di controllo, prevenzione e sorveglianza delle malattie dell’alveare (ad es. varroosi, Aethina tumida);
  • studio ed applicazione del sistema di autocontrollo alla produzione del miele e degli altri prodotti dell’alveare;
  • attività d’informazione e formazione degli addetti al settore (apicoltori, tecnici apistici, medici veterinari, scuole);
  • attività di supporto tecnico-scientifico per il Ministero della Salute in materia di patologia apistica e di controllo dei prodotti dell’alveare, nonché sulla normativa specifica sia sanitaria sia residuale;
  • attività di collegamento con il EU RL for honey bee health (Anses, Sophia Antipolis, Francia);
  • attività di ricerca applicata in collaborazione con altre strutture di ricerca nazionali e internazionali (Crea-Api, APHA, York, UK; Swiss Bee Research Centre, Svizzera; Anses, Sophia-Antipolis, Francia; VCUA, Freiburg, Germania; EFSA, Parma);
  • partecipazione a circuiti interlaboratorio organizzati dal EU RL for honey bee health o altri enti nazionali o internazionali relativamente ad agenti di malattia o parametri chimico-fisici del miele;
  • v  attivazione e coordinamento di progetti di monitoraggio dei fenomeni di spopolamento e mortalità degli alveari in Italia;
  • raccolta dati relativi ai fenomeni di spopolamento e mortalità degli alveari.

 

Attività di analisi:
L'elenco delle attività di analisi è riportato in allegato

Modalità di pianificazione e organizzazione delle prove interlaboratorio e di confronto:
Individuazione di agenti di malattia e/o matrici da sottoporre ad analisi per il loro isolamento in coltura o identificazione mediante tecniche di biologia molecolare o ancora per la loro identificazione morfologica.

Invio di materiale di riferimento e di procedure di prova per esecuzione di analisi su richiesta degli IIZZSS, nonché supporto/partecipazione nell’ambito di progetti di ricerca.

Organizzazione di prove interlaboratorio su base biennale per la identificazione morfologica del piccolo coleottero dell’alveare, Aethina tumida.

Per quanto riguarda i controlli chimici esistono numerosi proficiency test organizzati da diversi enti come FAPAS, Veritas, General Chemical State Laboratory-Grecia, a cui gli IIZZSS possono partecipare.


Data di pubblicazione: 1 gennaio 2015, ultimo aggiornamento 22 luglio 2016

Tag associati a questa pagina: ApiMalattie degli animali


Condividi:

  • Facebook


Sul portale del Ministero della Salute