Sei in: Home > 2. Autorità competenti e Laboratori Nazionali di Riferimento > B. Laboratori Nazionali di Riferimento > Bluetongue e Peste equina - Laboratori Nazionali di Riferimento; Malattie esotiche - Centro di Referenza Nazionale

Bluetongue e Peste equina - Laboratori Nazionali di Riferimento; Malattie esotiche - Centro di Referenza Nazionale

FONTE: Centri di Referenza Nazionali (CRN), Laboratori Nazionali di Riferimento (LNR)

Sede:
Istituto Zooprofilattico dell’Abruzzo e del Molise “G. Caporale”
Via Campo Boario
64100 Teramo

Numero di accreditamento:
0111

Responsabile:
Giacomo Migliorati

Contatti:
e-mail: cesme@izs.it

Sito web:
www.izs.it

www.izs.it/IZS/Engine/RAServePG.php/P/256110010720/T/CRN-Cesme.

Decreto di istituzione del CNR:
D.M. del 2 Maggio 1991  “Inizio attività del centro di referenza nazionale per le malattie esotiche presso l’Istituto zooprofilattico sperimentale dell’Abruzzo e del Molise, in Teramo”.

Riconoscimenti internazionali (FAO, OIE, ecc):
Laboratorio di referenza OIE per la Pleuropolmonite contagiosa bovina
Laboratorio di referenza OIE per la Bluetongue
Laboratorio di referenza OIE per la West Nile Fever 

 



Obiettivi, scopi e finalità del Centro di Referenza Nazionale:
Il “Centro di Referenza Nazionale per lo studio e l’accertamento delle malattie esotiche degli animali” (CESME) è stato istituito presso l’IZSAM con Decreto del Ministero della Sanità del 2 maggio 1991. Con lo stesso Decreto sono stati conferiti al Centro i compiti e le funzioni specifiche, successivamente modificati con il Decreto del Ministero della Sanità del 4 ottobre 1999. Nel rispetto dei compiti istituzionali attribuiti, il CESME formula i propri obiettivi e svolge le attività necessarie al loro raggiungimento.

In particolare il CESME si impegna a fornire:

  • il coordinamento dell'applicazione delle tecniche diagnostiche nei laboratori nazionali nonché la redazione e la distribuzione dei relativi metodi;
  • la produzione, la conservazione e la distribuzione degli antigeni necessari per gli esami diagnostici;
  • la tipizzazione e la conservazione in collezione degli agenti patogeni isolati;
  • la ricerca di nuovi metodi diagnostici;
  • la formazione in campo diagnostico ed epidemiologico;
  • la collaborazione con analoghi Centri diagnostici internazionali;
  • la diagnostica di laboratorio con esami di tipo virologico, sierologico, batteriologico, e parassitologico, utilizzando metodi tradizionali e molecolari;
  • l'attività di entomologia, con identificazione e monitoraggio delle specie di artropodi vettori di agenti patogeni;
  • la definizione di Piani di sorveglianza e di Manuali operativi;
  • la partecipazione a progetti nazionali ed internazionali nel settore delle malattie esotiche;
  • la gestione delle emergenze di tipo epidemico conseguenti all'insorgenza di sospetto focolaio/focolaio di malattia esotica, procedendo con le indagini epidemiologiche e gli accertamenti necessari.


Il CESME fornisce la propria consulenza e servizio alle Organizzazioni internazionali quali OIE, FAO e OMS, fornisce un supporto alle attività di gestione e di governo del Servizio Sanitario Nazionale, Direzione Generale della Sanità Animale e dei Farmaci Veterinari in caso di emergenze di tipo epidemico conseguenti all'insorgenza di focolai di malattie cosiddette “esotiche”, collabora con i Servizi Veterinari delle Regioni e delle Aziende USL, con gli altri Istituti Zooprofilattici Sperimentali ed altre Istituzioni non sanitarie.


Sede:
Centro di referenza nazionale per le Malattie Esotiche (CESME)
Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e Molise
Via Campo Boario
64100 Teramo

Numero di accreditamento:
0111

Responsabile:
Giovanni Savini

Contatti: 
e-mail: g.savini@izs.it

Sito web:
www.izs.it

Atto di designazione del LNR ai sensi del Reg. (CE) n.882/2004, art. 33:
Nota del 13/11/2006 (Prot. Uff II ex DGVA/40575/P)

Riconoscimenti internazionali (FAO, OIE, ecc):
Laboratorio di referenza OIE per la Bluetongue

 



Obiettivi, scopi e finalità del Laboratorio Nazionale di Riferimento:
Il Laboratorio Nazionale di Riferimento per la Febbre catarrale degli ovini (bluetongue) esegue i test diagnostici di seguito elencati.

Coordina le attività dei laboratori ufficiali responsabili delle analisi dei campioni a norma dell’art. 11 Reg. CE 882/2004

Offre assistenza tecnico scientifica e tecnica all’autorità competente per l’attuazione dei piani di controllo coordinati adottati a norma dell’art. 53 Reg. CE 882/2004

Le prove sono eseguite applicando metodi ufficiali o metodi alternativi, validati secondo il manuale OIE e accreditati secondo la norma ISO 17025.

 

Attività di analisi:
Bluetongue

Modalità di pianificazione e organizzazione delle prove interlaboratorio e di confronto:
Il laboratorio è accreditato SINAL dal 1995 e risponde ai requisiti della norma ISO 17025.

I metodi di prova utilizzati e la competenza tecnica del personale sono sotto controllo sia tramite l’impiego di materiali di riferimento certificati  che con la partecipazione ai circuiti interlaboratorio.

Dal 2002 il Laboratorio Nazionale di Riferimento organizza circuiti interlaboratorio per la diagnosi sierologia e virologica della bluetongue. I circuiti interlaboratorio, obbligatori e gratuiti, hanno l’obiettivo di monitorare i livelli di competenza tecnica dei laboratori che effettuano la ricerca del virus della bluetongue o la ricerca degli anticorpi nei confronti del virus della bluetongue.

I circuiti a cui il Laboratorio di Riferimento partecipa sono organizzati dal Laboratorio Comunitario di Riferimento (LCR) per la febbre catarrale degli ovini  (Institute of Animal Health, Pirbright, England).

La competenza tecnica del personale che opera nel LNR  è garantita dalla partecipazione regolare alle attività di formazione e addestramento, contenute nel piano aziendale di formazione od organizzate all’esterno. Il personale partecipa, inoltre, alle attività  di formazione svolte dall’EU-RL.


Sede:
Centro di referenza nazionale per le Malattie Esotiche (CESME)
Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e Molise
Via Campo Boario
64100 Teramo

Numero di accreditamento:
0111

Responsabile:
Federica Monaco

Contatti:
e-mail: f.monaco@izs.it

Sito web:
www.izs.it

Atto di designazione del LNR ai sensi del Reg. (CE) n.882/2004, art. 33:
Nota del 14 Novembre 2006 (Prot. Uff II ex DGVA/40778/P)

 



Obiettivi, scopi e finalità del Laboratorio Nazionale di Riferimento: 
Le attività del Laboratorio Nazionale di Riferimento per la Peste equina sono parte integrante del CESME da cui il LNR mutua le attività ed i compiti istituzionali.

Attività specifica del LNR è quella diagnostica nei confronti del virus della peste equina effettuata attraverso l’utilizzo di test elencati nella tabella allegata. Le prove, accreditate secondo la norma ISO 17025, sono eseguite utilizzando metodi ufficiali o metodi interni. I metodi alternativi utilizzati sono validati secondo i criteri previsti dal manuale OIE. Il laboratorio risponde ai requisiti della norma ISO 17025 ed è accreditato SINAL dal 1995. Il monitoraggio delle prestazioni dei metodi di prova è assicurato con l’impiego di materiali di riferimento certificati. La competenza tecnica del personale coinvolto nelle attività analitiche, l’adeguatezza delle strutture e del sistema di gestione sono monitorati attraverso la partecipazione a circuiti interlaboratorio organizzati dal Laboratorio Comunitario di Riferimento (LCR) per la peste equina (Laboratorio de sanidad y producción animal, Algete, Madrid - España). Il personale partecipa regolarmente alle attività di formazione e addestramento che rientrano nel piano aziendale di formazione e alle attività curate dal LCR.

Attività di analisi:
Bluetongue

Modalità di pianificazione e organizzazione delle prove interlaboratorio e di confronto:
Trattandosi di una malattia "esotica" le cui attività diagnostiche sono ad oggi svolte esclusivamente presso il CESME, lo stesso non organizza circuiti inter-laboratorio con gli altri IIZZSS.


Data di pubblicazione: 1 gennaio 2015, ultimo aggiornamento 22 luglio 2016

Tag associati a questa pagina: EquidiMalattie degli animaliRuminanti


Condividi:

  • Facebook