Sei in: Home > 2. Autorità competenti e Laboratori Nazionali di Riferimento > B. Laboratori Nazionali di Riferimento > Pesti Suine - Laboratorio Nazionale di Riferimento e Centro di Referenza Nazionale

Pesti Suine - Laboratorio Nazionale di Riferimento e Centro di Referenza Nazionale

FONTE: Centri di Referenza Nazionali (CRN), Laboratori Nazionali di Riferimento (LNR)

LNR e CRN  Pesti Suine  Classica e Africana

Sede:
Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Umbria e delle Marche
Via Salvemini 1
060126 Perugia

Numero di accreditamento:
0217

Responsabile:
Gian Mario De Mia

Contatti:
Tel: 075 3431
Tel: 075 343 238
e-mail: cerep@izsum.it

Sito web:
www.izsum.it

Decreto di istituzione del CRN:
D.M. 12 agosto 1995

Il CEREP nasce ufficialmente con il D.M. 12 agosto 1995, in cui il Ministero della Sanità riconosce come Centro di Referenza Nazionale, il centro per lo studio e la diagnosi delle pesti suine presso l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell'Umbria e delle Marche. Con Decreto 23 febbraio 2006, le competenze del Centro vengono estese ai Pestivirus dei ruminanti includendo così la Diarrea Virale del Bovino (BVD) e la Border Disease (BD) degli ovini.

Atto di designazione del LNR ai sensi del Reg. (CE) n.882/2004, art. 33:
Il LNR per la PSC è stato approvato dall’Unione Europea nella Direttiva 2001/89/EC

Atto di designazione del LNR ai sensi del Reg. (CE) n.882/2004, art. 33:
Il LNR per la PSA è stato approvato dall’Unione Europea nella Direttiva 2002/60/EC

 



Obiettivi, scopi e finalità dei Laboratori Nazionali di Riferimento e Centro di Referenza Nazionale Pesti suine Classica e Africana:
Le principali competenze attribuite ai Laboratori Nazionali di Riferimento e al Centro di referenza per le pesti suine:

  • coordinare l'applicazione nei laboratori nazionali delle tecniche standard e dei metodi di diagnosi;
  • fornire ai laboratori nazionali tutte le indicazioni per il prelievo, il confezionamento e l'invio dei campioni al centro di referenza stesso;
  • fornire ai laboratori nazionali le indicazioni e i protocolli operativi necessari per l'esecuzione degli esami diagnostici su campioni prelevati da animali delle specie sensibili ai virus pestosi;
  • conservare gli antigeni standard e i sieri di riferimento, correlati con quelli dei centri di referenza dell'Unione europea, in condizioni di sicurezza e tali da assicurarne l'efficacia;
  • provvedere alla differenziazione ed alla conservazione in apposita collezione di ciascuno stipite virale isolato dal materiale ricevuto dai vari istituti zooprofilattici sperimentali, da istituti universitari e da altri istituti di ricerca;
  • proporre e coordinare le ricerche, d'intesa con il Ministero della sanità, in collegamento con il centro di referenza della Comunità europea, finalizzate all'individuazione di nuovi metodi diagnostici;
  • stabilire rapporti di collaborazione con l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sardegna per quanto riguarda le problematiche inerenti la peste suina africana;
  • stabilire rapporti di collaborazione con il centro di referenza dell'Unione europea e con i laboratori di referenza presso gli organismi internazionali;
  • effettuare corsi di aggiornamento sulle metodiche di analisi e di diagnosi previsti dai protocolli ufficiali;
  • provvedere all'allestimento ed alla conservazione di antigeni per la preparazione del vaccino contro la peste suina classica;
  • provvedere alla trasformazione dell'antigene in vaccino da utilizzare in situazioni di emergenza su preventiva autorizzazione del Ministero della sanità;
  • fornire il supporto tecnico, in fase di attuazione dei piani comunitari o nazionali di lotta contro le pesti suine.


Attività di analisi:
Tabella 1

Modalità di pianificazione e organizzazione delle prove interlaboratorio e di confronto per la Peste Suina Africana:
Il CEREP aderisce al network dei centri di referenza nazionali per la Peste Suina Africana  dei paesi afferenti all’Unione Europea e  partecipa con regolarità al Ring Test (RT) internazionale, organizzato con frequenza annuale dal Community Reference Laboratory (Centro de Investigacion en Sanidad Animal -CISA-INIA).

Il ring test per la Peste Suina Africana prende in considerazione diversi test quindi permette efficacemente di verificare la performance e l’affidabilità diagnostica del CEREP. Di seguito, in elenco si riportano le prove diagnostiche che vengono prese in considerazione per il RT internazionale:

  • Test sierologici:
    • ELISA
    • Immunoperossidasi
    • Immunoblotting
  • Test virologici:
    • Isolamento
    • PCR tradizionale - Real Time PCR - UPL

Il CEREP ha sempre ottenuto risultati conformi all’atteso ed anzi si è distinto a livello internazionale per la riproducibilità e la coerenza dei risultati espressi. La discussione dei risultati del RT avviene ogni anno nel corso del Meeting annuale dei Centri di Referenza Europei in cui vengono presentate anche le maggiori novità in tema di ricerca scientifica e la dinamica epidemiologica della malattia su base mondiale.

Il D.M. 12 agosto 1995, che istituisce il Centro di Referenza Nazionale per le Pesti Suine (CEREP) presso l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Umbria e delle Marche, assegna tra i compiti istituzionali quello di organizzare e promuovere circuiti interlaboratorio a livello nazionale. In questo quadro il CEREP ha predisposto un “Piano di sostegno diagnostico ed epidemiologico alla emergenza Peste Suina Africana nella Regione Sardegna” indicando alcune iniziative utili per gestire al meglio questa fase. In particolare si è ritenuto opportuno proporre l’istituzione di un ring test nazionale per la diagnosi di laboratorio della Peste Suina Africana con l’obiettivo principale di contribuire alla standardizzazione delle procedure diagnostiche previste per le analisi ufficiali previste nei confronti di questa malattia infettiva.

Il RT nazionale ha frequenza annuale e comprende i seguenti test:

  • Test sierologici:
    • ELISA
    • Immunoblotting
  • Test virologici:
    • Test di immunofluorescenza su sezioni di organo
    • PCR tradizionale

I laboratori Sardi sono quindi chiamati a controllare appositi pannelli di campioni e trasmettere i risultati al CEREP che si incarica di analizzarli e ritrasmetterli sotto forma di report. Eventuali non conformità vengono trattate specificatamente per essere adeguatamente risolte.


Data di pubblicazione: 1 gennaio 2015, ultimo aggiornamento 22 luglio 2016

Tag associati a questa pagina: Malattie degli animaliSuini


Condividi:

  • Facebook