Sei in: Home > 2. Autorità competenti e Laboratori Nazionali di Riferimento > B. Laboratori Nazionali di Riferimento > Organismi Geneticamente Modificati - Laboratorio Nazionale di Riferimento e Centro di Referenza Nazionale (CROGM)

Organismi Geneticamente Modificati - Laboratorio Nazionale di Riferimento e Centro di Referenza Nazionale (CROGM)

FONTE: Centri di Referenza Nazionali (CRN), Laboratori Nazionali di Riferimento (LNR)

LNR e CRN Organismi Geneticamente Modificati (CROGM)

Sede:
Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana “M. Aleandri”
Via Appia Nuova 1411
00178 Roma (Capannelle)

Numero di accreditamento:
0201

Responsabile:
Ugo Marchesi

Contatti:
Tel: 06 79099450
Fax:06 79099450

e-mail: ugo.marchesi@izslt.it
e-mail: crogm@izslt.it

Sito web:
http://www.izslt.it/izslt/modules/centrireferenzax/docs/centro_ref_OGM/index.html

Decreto di istituzione del CRN:
Ministero della Salute (GU n. 118 del 22-5-2002), Decreto 8 maggio 2002 “Istituzione nuovi centri di referenza nazionali nel settore veterinario”

Atto di designazione del LNR ai sensi del Reg. (CE) n.882/2004, art. 33:
nota ministero n. Prot. Uff. II DGVA/40775/P-I.4.d.a.

 



Obiettivi, scopi e finalità del Centro di Referenza Nazionale

  1. Sviluppo e validazione di metodiche analitiche per il rilevamento e la quantificazione di OGM in alimenti e mangimi con particolare riferimento a metodi analitici in PCR.
  2. Coordinamento di circuiti interlaboratorio finalizzati alla validazione dei metodi analitici.
  3. Armonizzazione e diffusione di metodi di riferimento attraverso la condivisione delle proprie procedure, gestionali ed operative standard, su piattaforma web ad accesso riservato ai laboratori italiani del Controllo Ufficiale OGM.
  4. Supporto tecnico-scientifico ai laboratori del Controllo Ufficiale.
  5. Gestione di una rete italiana di laboratori del Controllo Ufficiale OGM, formalizzata nel 2009 con specifico contratto tra le parti (CROGM e laboratori ufficialmente designati dalle rispettive autorità competenti).
  6. Gestione di campioni di controllo e materiali di riferimento.
  7. Assistenza e supporto al Ministero della Salute in particolare nella predisposizione ed esecuzione di piani di controllo ordinari e straordinari.
  8. Gestione, per conto del Ministero della Salute, di una banca dati e dei flussi informativi relativi al controllo ufficiale degli OGM
    1. raccolta, elaborazione, e trasmissione al  Ministero della Salute dei dati nazionali relativi al controllo ufficiale degli OGM nei settori dell’alimentazione umana ed animale;
    2. Gestione dei flussi informativi mediante l'impiego del sistema di reportistica sanitaria “cruscotto” (CRS), messo a disposizione del Ministero della Salute, dell’ISS, nonché delle Regioni/Province Autonome per la validazione e la rendicontazione dei dati del controllo ufficiale degli OGM inseriti nel database.
  9. Attività di formazione ed informazione a favore degli enti operanti nel Servizio Sanitario Nazionale e, per conto della Commissione Europea, a favore di Paesi Terzi e Paesi candidati all'adesione all'Unione Europea

 



Obiettivi, scopi e finalità del Laboratorio di Nazionale di Riferimento:

  1. Collaborazione con il laboratorio europeo di riferimento per gli Organismi Geneticamente Modificati;
  2. Partecipazione alla rete europea di laboratori per gli OGM (ENGL) coordinata dal Laboratorio Europeo di Riferimento
  3. Collaborazione con il Laboratorio Europeo di Riferimento, in particolare per lo sviluppo e la validazione di metodi, nonché per la definizione di documenti e linee guida per gli adempimenti previsti dalla normativa comunitaria
  4. collaborazione con il Laboratorio Europeo di Riferimento alla realizzazione di iniziative formative internazionali.
  5. coordinamento, nella propria sfera di competenza, delle attività dei laboratori ufficiali responsabili dell'analisi dei campioni;
    vedi punti 2, 3, 4, 5 e 6 della sezione Obiettivi, scopi e finalità del Centro di Referenza Nazionale
  6. organizzazione di test comparativi tra i laboratori nazionali ufficiali e follow-up dei test comparativi effettuati.
    Il LNR per gli alimenti ed i mangimi GM ha svolto in passato Proficiency test e studi collaborativi di validazione con la rete dei laboratori ufficiali nazionali. Dal 2012, tuttavia, in considerazione della difficoltà nella preparazione di materiali idonei all’effettuazione di Proficiency test (PT) nel settore OGM, nonché della disponibilità in commercio di circuiti PT cui partecipa un numero molto elevato di laboratori ufficiali europei, e tenuto anche conto che tali circuiti sono messi a disposizione anche dall’EURL-GMFF a titolo gratuito, lo scrivente LNR non prevede la programmazione di schemi PT. Il LNR per gli alimenti ed i mangimi GM, in ogni caso, verifica la partecipazione a Proficiency test ed i relativi risultati conseguiti dai Laboratori ufficiali nazionali tramite un questionario che viene distribuito annualmente a tutti i laboratori, seguendo il follow-up in caso di risultati non soddisfacenti. Una sintesi dei dati ottenuti tramite tale questionario, in forma aggregata, viene trasmessa ogni anno al Ministero della Salute in occasione della elaborazione dei dati nazionali del controllo ufficiale degli alimenti e mangimi geneticamente modificati.
  7. trasmissione all'autorità competente e ai laboratori nazionali ufficiali delle informazioni fornite dai laboratori comunitari di riferimento:
    Tale attività è rendicontata annualmente dallo scrivente NRL nella sezione 4 dell'apposita scheda, predisposta dal Ministero della Salute, per la rilevazione delle attività  dei Laboratori Nazionali di Riferimento ai fini della determinazione della quota dell’1% dei proventi derivanti dalla riscossione delle tariffe di cui all’art. 7, comma 1, lett. d) del D.lgs 194/08, da attribuire a ciascun Laboratorio;
  8. assistenza scientifica e tecnica all'autorità competente per l'attuazione di piani di controllo coordinati;
    Tale attività è rendicontata annualmente dallo scrivente NRL nella sezione 5 dell'apposita scheda, predisposta dal Ministero della Salute, per la rilevazione delle attività  dei Laboratori Nazionali di Riferimento ai fini della determinazione della quota dell’1% dei proventi derivanti dalla riscossione delle tariffe di cui all’art. 7, comma 1, lett. d) del D.lgs 194/08, da attribuire a ciascun Laboratorio.


Attività di analisi:
L'elenco delle attiivtà di analisi è riportato in allegato

Modalità di pianificazione e organizzazione delle prove interlaboratorio e di confronto:
Vedi punto f della sezione Obiettivi, scopi e finalità del Laboratorio di Nazionale di Riferimento:


Data di pubblicazione: 1 gennaio 2015, ultimo aggiornamento 22 luglio 2016

Tag associati a questa pagina: OgmSicurezza alimentare


Condividi:

  • Facebook