Sei in: Home > 2. Autorità competenti e Laboratori Nazionali di Riferimento > B. Laboratori Nazionali di Riferimento > Rischi emergenti in sicurezza alimentare - Centro di Referenza Nazionale

Rischi emergenti in sicurezza alimentare - Centro di Referenza Nazionale

FONTE: Centri di Referenza Nazionali (CRN)

CRN per i rischi emergenti in sicurezza alimentare

Sede:
Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell'Emilia Romagna "Bruno Ubertini"
Milano

Numero di accreditamento:
0148

Responsabile:
Giorgio Varisco

Contatti:
giorgio.varisco@izsler.it

Sito web:
www.ars-alimentaria.it;

Decreto di istituzione del CRN:
DM 18 gennaio 2013

 



Obiettivi, scopi e finalità del CRN:

  • realizza un sistema strutturato  e permanente di referenti all’interno dei singoli IIZZSS:
  • attua sistemi per l’identificazione e la valutazione precoce dei rischi emergenti in sicurezza alimentare, nonché per l’identificazione di aree e condizioni di particolare rischio;
  • realizza attività di monitoraggio finalizzata alla rilevazione dei seguenti principali aspetti: cambiamenti nelle tecnologie di produzione, conservazione, distribuzione, vendita e preparazione finale degli alimenti, delle modalità di consumo e del tipo di alimenti consumati;
  • mette in atto ogni altra utile iniziativa per l’identificazione dei rischi emergenti in sicurezza alimentare, ivi compresa la realizzazione di sistemi di scambio d’informazioni e la collaborazione con analoghe iniziative di altri paesi e di organizzazioni internazionali.


Attività di analisi:
L'elenco delle attività di analisi è contenuto nell'allegato.

Valorizzazione delle produzioni nazionali per la prevenzione dei rischi alimentari:
Il Centro proseguito l’attività di coordinamento degli IIZZSS finalizzata alla:

  • redazione di protocolli sperimentali comuni tra tutti gli II.ZZ.SS., dedicati alla pianificazione di Challenge test su prodotti a base di latte crudo
  • creazione e condivisione di un database per la gestione dei dati di processo e di prodotto finalizzato all’alimentazione di banche dati destinate a sistemi informativi per la creazione di modelli matematici di microbiologia predittiva;
  • redazione di report scientifici nei quali saranno definite le caratteristiche di sicurezza igienico sanitarie di processo e durante la vita commerciale dei prodotti oggetto dello studio.


Modalità di pianificazione e organizzazione delle prove interlaboratorio e di confronto:

Circuito interlaboratorio per la PFGE di Salmonella Typhimurium con protocollo PulseNet (MP IZSLER 09/093)

Il circuito PFGE che è stato pianificato ed eseguito nel 2015 attiene ai controlli di qualità del MP 09/093 per la Genotipizzazione di Salmonella enterica con PFGE secondo protocollo PulseNet.

Il circuito ha una frequenza annuale e coinvolge i due laboratori di IZSLER che eseguono il metodo: Reparto Tecnologia Acidi Nucleici Applicata agli Alimenti (sede Brescia); Sezione di Parma (Parma).

Il laboratorio di Parma prepara gli isolati di Salmonella enterica da analizzare (10 all’anno finora), li distribuisce ed analizza i risultati del circuito in termini di corrispondenza dei profili identificati rispetto all’atteso.


Data di pubblicazione: 22 luglio 2016, ultimo aggiornamento 22 luglio 2016

Tag associati a questa pagina: Alimenti di origine animaleAlimenti di origine non animaleMangimi


Condividi:

  • Facebook