Sei in: Home > Appendice - Sezioni regionali > Regione Toscana > Rinotracheite Infettiva Bovina (IBR) - Progetto regionale di controllo

Rinotracheite Infettiva Bovina (IBR) - Progetto regionale di controllo

FONTE: Regione Toscana

Macroarea: Sanità Animale
Settore: Malattie Infettive

Tipologia dell'attività:
5 - Attività di controllo ufficiale a carattere regionale

 

Normativa di riferimento:
Delibera di Giunta della Regione Toscana n. 147 del 01.03.2016
Decreto Dirigenziale della Regione Toscana n.1926 del 19.04.2016
Delibera di Giunta della Regione Toscana n. 699 del 19.07.2016.


AC Regionali:
Settore Regione Toscana: Prevenzione e Sicurezza in ambienti di vita, alimenti e veterinaria
Osservatorio Epidemiologico Veterinario Regionale (O.E.V.R.)

Ruoli:
Programmazione dei controlli, individuazione delle procedure di controllo, individuazione e procedurizzazione delle positività e dell’adesione volontaria degli allevatori

AC Locali:
AA.SS.LL. – U.F. Sanità Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare-

Ruoli:
Pianificazione e svolgimento delle attività di controllo

Laboratori

Nome
Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e della Toscana

Ruoli:
Esecuzione delle analisi richieste e consulenza tecnica


Categorizzazione degli eventuali rischi e modalità di applicazione delle categorie di rischio

Non prevista

Frequenza (o criteri per stabilire frequenza)

Ad ogni introduzione di bovini in allevamento

Luogo e momento del controllo

Produzione primaria

Metodi e tecniche:
Campionamenti per analisi

Provvedimenti sanitari; sanzioni amministrative; sanzioni penali

Ai trasgressori delle disposizioni previste dal presente Progetto regionale di controllo della Rinotracheite Infettiva Bovina (IBR) nel territorio della Regione Toscana, si applicano le sanzioni disposte dal D.Lgs. 196/99

Modalità rendicontazione, verifica e feedback

Rendicontazione: tramite IZSLT ed O.E.V.R.

Verifica quantitativa: effettuata dal Settore Regione Toscana Prevenzione e Sicurezza in ambienti di vita, alimenti e veterinaria: frequenza trimestrale, flusso informativo con scadenza al 31 gennaio di ogni anno.

Verifica qualitativa: da parte dei sistemi di controllo delle singole AA.SS.LL.

Feedback: analisi del rischio scaturito dall’identificazione e dallo studio, da parte del Settore Veterinario e dell’Osservatorio Epidemiologico Regionale veterinario, delle eventuali positività.


Data di pubblicazione: 20 settembre 2016, ultimo aggiornamento 20 settembre 2016

Tag associati a questa pagina: Malattie degli animaliRuminanti


Condividi:

  • Facebook