Sei in: Home > Appendice - Sezioni regionali > Regione Piemonte > Allergeni - Piano regionale di controllo ufficiale sulla verifica della corretta applicazione del decreto legislativo 114/2006

Allergeni - Piano regionale di controllo ufficiale sulla verifica della corretta applicazione del decreto legislativo 114/2006

FONTE: Regione Piemonte

Macroarea: Alimenti
Settore: Sicurezza e nutrizione
Tipologia dell'attività: 5 - Attività di controllo ufficiale a carattere regionale


AC Regionale

Assessorato alla Tutela alla Salute e Sanità
Direzione Sanità - Settore Prevenzione e Veterinaria

Ruoli:

Predisposizione del Piano, coordinamento, monitoraggio e verifica.

 

AC Locale

Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende Sanitarie Locali regionali
Servizi Veterinari Area B
Servizi di Igiene degli Alimenti e della Nutrizione (SIAN)

Ruoli:

Attività di vigilanza, controllo, campionamento e gestione delle non conformità
Attività campionamento di alimenti e bevande.

 

Laboratori:

Dipartimento ARPA

Ruoli:

Analisi dei campioni di alimenti non di origine animale prelevati.

 

Istituto Zooprofilattico Sperimentale (IZS) del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta

Ruoli:

Analisi dei campioni di alimenti di origine animale prelevati.


Categorizzazione degli eventuali rischi e modalità di applicazione delle categorie di rischio
Per tale piano si è proceduto scegliendo le matrici alimentari a maggior rischio per la presenza di allergeni.

Frequenza (o criteri per stabilire frequenza)
Non è stata stabilita una frequenza specifica; per ciascuna ASL è stato stabilito il numero di campioni per anno, lasciando libertà di programmazione.

Luogo e momento del controllo
Luogo: produzione, deposito, magazzinaggio, piattaforme.
Momento:prodotti presenti presso le ditte produttrici o sul mercato durante il periodo di conservabilità.

Metodi e tecniche
Utilizzazione dei metodi e delle tecniche di controllo previsti nel regolamento (CE) 882/2004 (controllo materiale con campionamento per analisi e con prova in campo, controllo documentale e controllo d’identità), verifica del rispetto dei requisiti di rintracciabilità di cui al regolamento (CE) 178/2002. Campionamenti secondo DPR 327/1982.

Modalità rendicontazione, verifica e feedback
Invio annuale dei dati mediante specifico flusso dalle ASL e dai Laboratori di riferimento. Analisi dell’attività effettuata dai servizi territoriali e redazione della relazione annuale di attività.


Data di pubblicazione: 1 gennaio 2015

Tag associati a questa pagina: Etichettatura alimentiSicurezza alimentare


Condividi:

  • Facebook